La rivista di Judo Italiano � gratuita

Judo Italiano - La libera informazione - Editoriale di P. Morelli

Vi propone pensieri, riflessioni, informazioni nel mondo del judo

Se desideri ricevere per email la nostra Rivista, iscriviti alla NewsLetter

Editoriale di P. Morelli

JUDO. E’ necessario un
Articolo 124 del 19/09/2020
JUDO. E’ necessario un "distinguo"

I giornalisti, quelli disonesti, quelli che non hanno niente da dire e che guardano il foglio bianco e si domandano: “Io qui, che ci sto a fare?”, si permettono di parlare di cose che non sanno e, allora, il sangue e le lacrime sono il loro viatico per svoltare la giornata e non gli frega niente se danneggiano una persona o una categoria, questi devono pur vivere e “la pagnotta&r


Jūdō No Kiso
Articolo 123 del 15/07/2020
Jūdō No Kiso

Buongiorno a tutti, dopo aver parlato nei Mondoō che si sono succeduti in settimana in settimana abbiamo deciso di metterci alla prova. Perché, si sa, a parlare si fa presto ma il tatami non mente. Allora, dopo la pausa estiva, vi proponiamo di vederci tutti sul tatami. Abbiamo riflettuto molto circa quanto ci siamo detti e ne sono venute fuori delle problematiche, che se anche erano ne


I Valori dello Sport
Articolo 122 del 31/05/2020
I Valori dello Sport

Parliamoci chiaro, in Giappone, prima che arrivasse Jigoro Kano, lo sport non esisteva in quanto disciplina ludica. C’erano le arti militari; prima di tutte la spada, il tiro con l’arco e poi c’era la lotta a mani nude. E, a noi, c’è rimasto l’appellativo di arte marziale. Ma non è così, per quanto riguarda la lotta, l’arte marziale è


Abbiamo preso coscienza di come siamo. E adesso, che facciamo?
Articolo 121 del 31/05/2020
Abbiamo preso coscienza di come siamo. E adesso, che facciamo?

Questa quarantena è servita a qualcosa, a farci parlare di judo. Come in un periodo normale non l’avremmo fatto! Però l’abbiamo fatto meglio, con più consapevolezza. Ci è servita questa quarantena. Ci ha fatto mettere seduti e con calma abbiamo parlato. Quando mai ci è capitato così tanto tempo da “sprecare” dietro alle parole di ju


Capire e Comprendere  sono identiche?
Articolo 120 del 14/02/2020
Capire e Comprendere  sono identiche?

Non è difficile citare le parole come non è difficile scriverle. L’importante è di farle comprendere. Non ho scritto di far capire le parole ma ho parlato di comprensione. Una volta un mio professore Mi ha detto. “Tu vedo che hai capito le mie parole perché stai facendo tutto bene...ma le hai comprese? Vedete c’è un distacco enorme tra capire e


Si avvicina l’anno più importante
Articolo 119 del 31/01/2020
Si avvicina l’anno più importante

Nel 2020, l’anno è bisestile, succedono due cose importantissime per la nostra Federazione. Non sono legate tra loro o almeno non sembra, però una potrebbe incidere sulla sorti dell’altra. C’è l’Olimpiade di Tokio. Bisogna lasciare che i ragazzi della Nazionale siano sereni e ogni volta che c’è una gara gioite per il risultato positivo e no


Anno nuovo pieno di speranze...e qualche certezza
Articolo 118 del 31/01/2020
Anno nuovo pieno di speranze...e qualche certezza

Come avevamo promesso, da quest’anno, il giornale sarà spedito gratuitamente per far conoscere la vera voce libera del judo. Ci permetteremo di ospitare la voce di chi ha idee diverse da quelle correnti, di chi vuole uscire fuori dal coro, di chi pensa che una vita dignitosa sia meglio di una vita a rincorrere un Dan/ immagine perchè, siamo convinti, che non bisogna sapere tutt


La bellezza è nel judo?
Articolo 117 del 12/01/2020
La bellezza è nel judo?

Ricominciamo Ogni fine anno pensiamo che l’anno che verrà sarà migliore dell’anno che ci ha lasciato. Non è vero niente. Solo nel nostro intimo speriamo che sia così. Questo fatto ci dà un spinta a percorrere il nuovo anno con rinnovata speranza. Perché non prendere questa illusione per buona e prendere l’opportunità che ci present


I Romani e il Judo
Articolo 111 del 29/01/2019
I Romani e il Judo

Cosa c’entri il judo con il dialetto romano (si fa per dire dialetto – l’unico vero dialetto era quello di Giuseppe Gioacchino Belli o quello di Trilussa), diciamo la parlata romana, ancora non lo so. Io stavo pensando al judo, come faccio sempre, d’altronde, e mi veniva in mente mio zio Dario che mi parlava della sua lotta giapponese (ha iniziato alla Fiamma Yamato quando


Tutti i judoka dovrebbero fare i Master!
Articolo 108 del 02/10/2017
Tutti i judoka dovrebbero fare i Master!

Se tutti i ragazzi praticassero judo il mondo sarebbe un posto migliore. Non era questo lo slogan che imperava nel nostro sport qualche tempo fa? Io lo trovo giusto perché noi siamo educati, rispettosi, leali (o almeno dovremmo esserlo) c’è qualcuno che non è d’accordo? Se tutti i ragazzi dovessero praticare il judo allora tutti i judoka dovrebbero fare le gare ma


Che vantaggio avranno le piccole società a far Crescere i loro Campioni ?
Articolo 109 del 13/03/2018
Che vantaggio avranno le piccole società a far Crescere i loro Campioni ?

Che la cosa vi piaccia o no ci sono disparità all’interno della nostra Federazione, non me ne accorgo adesso nè io sono il primo ad affermarlo. Già molti prima di me hanno detto questo ed altro ma alle soglie della decadenza mi pongo sostanzialmente una do- manda: quanto è rimasto da vivere al judo che conosciamo? Insomma, quanto tempo ci resta da vivere prima che


Riflessioni: cos’è un Maestro di Judo?
Articolo 114 del 27/12/2019
Riflessioni: cos’è un Maestro di Judo?

In fondo che cos’è un maestro di judo? Una persona che da giovane si è avvicinata al judo o per volontà o per volontà dei genitori.Nel mio caso accompagnavo un mio amico a far ginnastica posturale ma quando entrai nella sala judo (perché da lì si accedeva) della S.S. Monopoli Judo, rimasi a bocca aperta. Prima di tutto mi colpì l’odore a


La cultura dei Saggi
Articolo 110 del 02/10/2018
La cultura dei Saggi

Ma la cultura serve? Diceva un filosofo: “Ne ha uccisi più la cultura che la spada”. E’ chiaramente un paradosso per farci capire come sia importante. E noi che facciamo? In Giappone, dopo che si aprì all’occidentalizzazione, fu una cosa prioritaria l’educazione, cultura e la scuola si aprì a tutti, come non era nell’epoca Tokugawa. E sul fi


Si Ricomincia ...Ma che differenza c’è tra il Rugby e il Judo?
Articolo 102 del 21/08/2017
Si Ricomincia ...Ma che differenza c’è tra il Rugby e il Judo?

Prima di settembre, dal 27 agosto, per la precisione, si inizia un nuovo quadriennio che ci porterà a Tokyo 2020. Questo nuovo Campionato del Mondo da il via al Circo del judo e da qui si dipaneranno scelte infinite che porteranno, i nostri atleti, in alto nella Ranking List o a lasciare definitivamente il judo agonistico ma tutto, anche se con incidenza minore, dipende anche da noi. Perch&


Nasce il  - CENTRO STUDI JUDO - CSJ  
Articolo 113 del 07/12/2019
Nasce il  - CENTRO STUDI JUDO - CSJ  

Perchè il CSJ: Tutti noi che il Judo lo pratichiamo sul Tatami e non ne parliamo e basta, abbiamo la necessità di un confronto diretto raccogliedo idee, proposte e magari innovazioni che posso essere di aiuto alla Ns. Federazione.Obiettivo: Informazione e scambio culturale tramite Seminari GRATUITI a Roma 2020A chi è rivolto: CINTURE NERE (Maestri, allenatori, non necessari co


Abbiamo bisogno di Nuove LEVE
Articolo 112 del 15/09/2019
Abbiamo bisogno di Nuove LEVE

Io non capisco un cavolo di judo (proprio come dicevano i capi dei gruppett che si formano ad ogni gara), però, dall’alto della mia ignoranza anche io voglio dire qualcosa sull’Italia ai Campionati del Mondo di Tokyo. Mi sono sembrati fuori fase i nostri atleti, come mai? Questo discorso che sto per fare non riguarda gli atleti ma tutto lo staff, sia ben chiaro. Io dico che &e


Chi vorreste sul Tatami ?
Articolo 95 del 17/11/2015
Chi vorreste sul Tatami ?

Abbiamo iniziato con la prima domanda del nostro sondaggio per capire quale maestro sia percepito come “la bandiera del judo” per noi judoka italiani. Ne è uscita fuori una bella classifica che vede solo sporadicamente qualche straniero (e tutti giapponesi) tra i numerosi nomi di docenti italiani apprezzati dai judoka. Non mettiamo i punteggi ottenuti da ciascun nome perch&eacut


Le donne non capiscono un c..avolo di judo. Questa affermazione l’ho sentita tempo fa, non molto a dire il vero.
Articolo 115 del 01/07/2019
Le donne non capiscono un c..avolo di judo. Questa affermazione l’ho sentita tempo fa, non molto a dire il vero.

Sono un vigliacco. “Le donne non capiscono un c..avolo di judo. Questa affermazione l’ho sentita tempo fa, non molto a dire il vero. Ero lì che parlavo con una decina di persone di judo e c’era chi aveva il verbo del judo innato e ce lo stava infondendo nelle nostre menti puerili. Due tizi gli davano di “spalluccia” sostenendo la tesi del signore. Ma ci sta. E


Medaglie cadetti
Articolo 96 del 04/12/2015
Medaglie cadetti

Una gentile lettrice e nostra sostenitrice – per nostra fortuna – ci domanda perchè non parliamo mai delle medaglie conquistate dai nostri cadetti nazionali. Spero di non inimicarmi la nostra Stefania e tutti coloro che tifano per i nostri ragazzini, ma abbiamo fatto una scelta redazionale: non parliamo delle medaglie dei ragazzi perché non siamo d’accordo con quest


Bullismo e Judo - Parte II - Crea il Tuo Manifesto
Articolo 93 del 25/10/2015
Bullismo e Judo - Parte II - Crea il Tuo Manifesto

Abbiamo visto con piacere che la nostra iniziativa contro il bullismo ha raccolto moltissime adesioni. Abbiamo avuto più di 12.000 visualizzazioni e circa 155 condivisioni. Un bel risultato non c’è che dire. Siamo andati a guardare le condivisioni e abbiamo scoperto che si dipanano, dalla fonte ufficiale in poi, in una miriade di contatti che non sapremo mai quanti saranno. Abb


Bullismo e Judo
Articolo 92 del 23/10/2015
Bullismo e Judo

Leggendo i giornali o ascoltando il telegiornale viene sempre fuori la notizia legata al bullismo. Deprecabile, assurdo, incontrollabile atteggiamento giovanile che fa il vezzo ai “cattivi” di strada visti in qualche film per adulti. Generalmente chi minaccia un compagno o una compagna di scuola non lo fa mai da solo, si copre le spalle con il gruppo che lo rende indenne da una eventua


Ma chi sei TU? Giusta domanda
Articolo 116 del 01/04/2019
Ma chi sei TU? Giusta domanda

Ma chi sei tu che dalle pagine del tuo giornale ci dici che dobbiamo studiare, che bisogna informarci, che i tecnici di oggi non capiscono niente. E capisci solo tu? E’ tutto vero, ve l’ho posso assicurare. Però, il lettore, ha fatto una giusta domanda, questo signore che si è tanto risentito quando ho parlato di scuola, di metodo e della necessità di studiare sem


Vorrei fare CHIAREZZA
Articolo 90 del 13/08/2015
Vorrei fare CHIAREZZA

In questi due giorni, come Judo italiano, non ho fatto altro che rispondere in privato e sui post a molte persone che non avendo assolutamente un’idea su quanto sia accaduto hanno iniziato a inveire contro tutto e tutti. Se la sono presa anche con Judo italiano e con me personalmente. Va bene, ci sta tutto. Sono abituato nel mio lavoro a sentire critiche anche pesanti ed è giusto che


Quando pensate di fare judo?
Articolo 86 del 05/03/2015
Quando pensate di fare judo?

Tante volte siete così presi dalle questioni di politica, filosofia, economia, investigazione che vi dimenticate perché siete vestiti con un pigiamino, una cinta più o meno colorata e vi fate sbattere per terra indiscriminatamente.Ma i judoka cosa devono fare? Il judo. Bravi. Devono fare il judo.Invece no, passano la maggior parte del loro tempo a parlare delle regole che non


Scegliere o Non Scegliere?
Articolo 106 del 24/12/2017
Scegliere o Non Scegliere?

Cosa vi piacciono di più i Beatles o i Rolling Stones?Noi italiani abbiamo sempre dovuto scegliere. Dalla dualità Bartali/Coppi, piuttosto che Rivera/Mazzola, Beatles/Rolling Stones e ancheda quelle politiche Comunismo/Democrazia Cristiana, tanto per citarne due oramai già morte. Insomma siamo schiavi delle scelte, in alcuni casi estreme dove sono in bilico le sorti della nazi


Si, va bene e Dopo?
Articolo 104 del 08/09/2017
Si, va bene e Dopo?

I ragazzi della Nazionale Italiana che hanno partecipato ai Mondiali di Budapestsi sono comportati bene e anche se qualche commento di malcontentoè uscito fuori, tutto sommato, abbiamo una Nazionale che sa farsi temere alivello internazionale ma, più che altro, ha dimostrato che nel fare judo nonteme il confronto. Sono gli altri a temere i nostri ragazzi e prova ne sono le duefinali


Cos’è un DoJo
Articolo 100 del 22/07/2017
Cos’è un DoJo

Noi del judo ci alleniamo in un luogo che chiamiamo, impropriamente, palestra o i più “chic” club, i più popolari centri sportivi, i più federali società. Ma palestra va bene. Se vi dovete allenare con la ginnastica o con i pesi. Ma per quanto riguarda il judo, no. Il judo si insegna e si pratica in un dojo. Perché il dojo non dev’essere visto,


Permette? Vorrei presentarmi
Articolo 97 del 17/01/2016
Permette? Vorrei presentarmi

Sarà che dopo le sante feste la vita riprende più frenetica di prima, sarà che si avvicina Sanremo, il festival per eccellenza, quello dei cantanti, per chi non lo conoscesse, sarà perché facebook ci fa sentire tutti grandi protagonisti, in questi giorni scoppia la moda del “presentatore”. Sto giocando con le parole ma, penso, che abbiate capito tutti che accenno alla presentazione dell


Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare il cretino mentre il contrario è del tutto impossibile.
Articolo 91 del 16/10/2015
Il vantaggio di essere intelligente è che si può sempre fare il cretino mentre il contrario è del tutto impossibile.

Piccola nota Ho notato che troppe persone si prendono troppo sul serio. Tutti sono qualcuno e qualunque cosa tu gli proponga loro l’hanno già fatta, già la conoscono, e ti rispondono: ma ti pare? A me lo vieni a dire? Certo parlo con te. Ma i tuoi risultati quali sono stati quando hai pensato di portare avanti questo progetto? Niente. Nulla, perchè sono un popolo di pec


Stelle Cadenti
Articolo 89 del 20/08/2015
Stelle Cadenti

Lo dicono tutti, le stelle cadenti non si sono viste nella notte di San Lorenzo perché solo tre giorni dopo la terra incontra la scia della cometa che ci farà sognare ed esprimere un desiderio che vorremmo che si esaudisse esattamente così come lo abbiamo espresso. Ma non dobbiamo svelarlo a nessuno. Io le stelle cadenti, questa notte, le ho viste, è vero. Tre o quatt


Cattivi Maestri
Articolo 88 del 24/03/2015
Cattivi Maestri

Ricordo e ricorderò sempre che la prima volta che sono entrato nella palestra dei Monopoli di Stato, a Trastevere, ho letto un cartello che diceva: Il judo si pratica in silenzio. Infatti, i ragazzini che erano sul tatami in paglia di riso (ricordo ancora l’inconfondibile odore) si muovevano, saltavano si proiettavano a terra senza tante parole, anzi nessuna. Era anche un continuo sa


Cambiare il Judogi. Vezzo o Regolamento?
Articolo 87 del 13/03/2015
Cambiare il Judogi. Vezzo o Regolamento?

    Tra nuove regole, orpelli, tasse e divieti anche il nostro vecchio, caro - sicuramente - judogi sta diventando un bene dilusso.   I miei ragazzi mi hanno detto: Maestro ma non puoi salire sul tatami con quel judogi e quella cinta...Mancanza di rispetto o pena?   Mi sono informato e sapete (certamente lo saprete) quanto costa un judogi omologato? Partiamo dal regolamen


GIOCO DI MANO
Articolo 81 del 28/01/2015
GIOCO DI MANO

So per certo che per migliorare qualunque cosa non si toglie una parte fondamentale di essa per evitare problemi e la sostituisce col nulla. È come dire, nel judo, che si tolgono delle belle tecniche spettacolari e non si sostituiscono con altre tecniche altrettanto spettacolari. Per esempio, voi ce lo vedete il judo senza alcune tecniche, così come le aveva studiate Jigoro Kano? Ma


da Rio a Torvaianica
Articolo 82 del 01/03/2015
da Rio a Torvaianica

Ho letto, dopo gli Open ad Ostia, una nota che diceva che a Dusserdolf avremmo riscattato il nostro disastro di Roma. Ma non ero d’accordo e alla fine dell’articolo ho scritto: “Se arriveranno medaglie da Dusserdolf non riscatteranno nulla perché non abbiamo nulla da riscattare, non abbiamo perso l’onore, abbiamo solo perso una grande occasione.” Vorrei rip


IL RISPETTO DI BASILE
Articolo 80 del 30/12/2014
IL RISPETTO DI BASILE

Questi Campionati Italiani Assoluti hanno tracciato il segno indissolubile della verità. Tra le tante ombre e le poche luci di questa due giorni abbiamo assistito a dei lampi di judo vero e di insegnamenti di modestia da grandi campioni.Un episodio tra tutti voglio segnalarvi, che parla di rispetto del tatami, del judo, dei ruoli, dell’essere combattenti e del proprio pubblico. Elio