JudoItaliano.it - Libera Informazione - Editoriale di P. Morelli

JudoItaliano vi propone dei pensieri, delle riflessioni sul momdo del judo

l'Editoriale di P. Morelli

Il nostro lavoro per tenervi informati
Edit 119

Si avvicina l’anno più importante

Nel 2020, l’anno è bisestile, succedono due cose importantissime per la nostra Federazione. Non sono legate tra loro o almeno non sembra, però una potrebbe incidere sulla sorti dell’altra.

C’è l’Olimpiade di Tokio
. Bisogna lasciare che i ragazzi della Nazionale siano sereni e ogni volta che c’è una gara gioite per il risultato positivo e non dite niente se dovesse essere negativo. Non hanno bisogno di parole dette tra noi che non capiamo cosa avviene su quei tatami; che forze si scontrano, che mentalità e che strategie si oppongono. Noi siamo spettatori, solo spettatori anche se facciamo lo stesso sport. Noi capiremmo un seoi se venisse tirato in maniera ortodossa, se non altro perchè l’abbiamo studiato e, neanche troppo bene, ma quando tirano un seoi reverse voi capite che lì le cose si ingaburgliano. Non siamo in grado di giudicare e non possiamo buttare le parole dalla finestra perchè le critiche non costruttive fanno male ai ragazzi. Magari non sentono i calci, le botte, le cadute ma sfido chiunque di voi a sapere quanto fanno male le parole. In definitiva, sono la nostra speranza di far vedere in tutto il mondo cosa sappiamo fare nel judo.

L’altro evento importante per la nostra Federazione è l’elezione del Consiglio di settore a livello nazionale e del Presidente. Ora qui vi voglio un poco attenti.
Quattro anni fa, circa, abbiamo eletto un nuovo consiglio sbrigandoci a mandare via i “vecchi” perchè bisognava far posto ai “giovani” che si presentavano per cambiare la nostra disciplina o tutto il mondo del judo, se preferite. Adesso siamo ad una svolta. Chiedetevi cosa hanno fatto questi “giovani rampanti” che si sono attestati a dirigere il judo nazionale. Con calma, critici ma non troppo, riflettete e domandatevi se qualcuno che è stato eletto ha fatto, sostanzialmente, gli interessi del judo o ha solo fatto gli interessi dei propri elettori (io credo di no ma può darsi che una tal cosa mi sia sfuggita). In sostanza, abbìano pagato pegno per la loro elezione - non mi sembra possibile e non posso credere che questo sia stato fatto ma domandarselo fa sempre bene, perchè sono convinto che loro siano stati eletti per fare gli interessi del judo perciò di tutti i judoka della federazione. A questo punto votate a cuor leggero. C’è un altro punto su cui ritornerò più volte che mi preme: l’elezione del Presidente. Gestire una Federazione come la nostra non è affatto facile. Non si tratta di gestire una disciplina ma quattro e tutte con scopi differenti e, nel contempo, gestire un centro come quello Olimpico che solo chi ci è nato sa quello che fare. Se volete una Federazione forte che faccia gli interessi del judo (gli interessi di tutti i judoka) abbiate cura di votare bene. Parlate con il vostro candidato preferito e fategli domande per sapere tutto quello che vuol fare per il judo. Se vi promette qualcosa di personale non votatelo e date il voto ad un altro candidato, altrimenti non finiamo mai con le diatribe. Purtroppo è la politica dello sport, bellezza!

Pino Morelli

Link:

DOC:

judoitaliano su facebook like judoitaliano
Richiedi un contatto
Ascoltiamo le tua voce.